Condividilo

scrive il Wall Street Journal (24/1/2019)

Padre John Jenkins, presidente dell’Università di Notre Dame, ha annunciato che la facoltà coprirà una decina di affreschi raffiguranti la vita di Cristoforo Colombo. “E’ il lato oscuro di questa storia”, ha affermato in una lettera. Mentre questa decisione può dare all’università una breve tregua dai suoi critici, non sarà mai abbastanza. “Colombo potrebbe essere l’oggetto momentaneo dell’odio, ma il vero obiettivo è la stessa fede cattolica”, scrive Alejandro Bermudez sul Wall Street Journal. “Qual è esattamente il lato oscuro della storia di Colombo? L’antropologa della Brown University Carol Delaney ha ampiamente difeso la reputazione dell’esploratore, sottolineando che le sue interazioni con i nativi americani erano ‘benigne’. E Bartolome de las Casas, il più schietto difensore dei nativi americani nel periodo coloniale, sostenne anche le intenzioni dell’esploratore e le sue motivazioni. L’esperienza coloniale era spesso traumatica e certamente aveva i suoi difetti. Ma come peruviano-americano di colore, credo ancora che ci sia molto da festeggiare nel modo in cui le Americhe sono cambiate negli ultimi 500 anni. Come cattolico, apprezzo particolarmente Colombo per aver mostrato a milioni di persone la via della salvezza. Il sacrificio umano non era insolito nel mio paese d’origine, come in gran parte delle Americhe. In quello che ora è il Perù, i bambini venivano sacrificati dagli Incas in una pratica nota come Capacocha. Dovrebbero essere coperte eventuali rappresentazioni positive degli Incas, alla luce di questa pratica efferata? Ovviamente no. E quelli che odiano Colombo e la sua eredità devono ancora riconoscere che questa pratica indigena è svanita grazie all’avvento del cristianesimo nel nostro emisfero. L’idea che la vita indigena fosse perfetta e che la cultura occidentale fosse il luogo di tutto il male è tanto assurda quanto la supremazia bianca. Al di là del sacrificio umano, i conflitti tribali e di civiltà esistevano molto prima che Colombo mettesse piede in questo emisfero”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here