scrive il Wall Street Journal (13/3/2019)

Un nuovo fronte si è aperto nella battaglia tra Stati Uniti e Cina per il controllo delle reti globali che forniscono Internet. Ed è sotto l’oceano”. Così il Wall Street Journal. “Mentre gli Stati Uniti promuovono una campagna di alto profilo per escludere la Huawei Technologies Co. cinese dalle reti mobili di prossima generazione per timore dello spionaggio, la società si sta incorporando le reti via cavo sottomarine che trasportano quasi tutti i dati Internet del mondo. Una azienda cinese, di proprietà di Huawei Technologies, ha lavorato su circa 90 progetti per costruire o aggiornare i cavi sottomarini in tutto il mondo. Huawei Marine Networks Co., in gran parte di proprietà del colosso cinese delle telecomunicazioni, ha completato un cavo di 3.750 miglia tra Brasile e Camerun a settembre. Di recente ha iniziato a lavorare su un cavo di 7.500 miglia che collega l’Europa, l’Asia e l’Africa e sta finendo i collegamenti attraverso il Golfo della California in Messico”.