scrive il Wall Street Journal (26/4)

Come mai i nostri vescovi sono così silenziosi sulle stragi di cristiani? Se lo chiede il direttore del Wall Street Journal, Gerard Baker. “Il massacro dello Sri Lanka ha sottolineato quanto possano essere autodistruttive le nostre élite. L’ultimo orrore doveva indurre la dirigenza cristiana a parlare in difesa della propria gente. John Sentamu, l’arcivescovo di York, il chierico di secondo grado più alto nella comunione anglicana, ne aveva l’opportunità. Intervistato lunedì sulla Bbc, gli è stato chiesto se questo fosse un momento per piantare una bandiera per i cristiani che si trovano sotto assedio. ‘La violenza di qualsiasi tipo, verso qualsiasi comunità, qualsiasi gruppo, è totalmente inaccettabile. La bandiera che voglio volare è una bandiera di pace’, ha detto. Uno dei pastori più importanti del mondo, di fronte alla dispersione del suo gregge da parte di un branco di lupi assassini, riesce a evitare di incolpare i carnefici. Sembra che molti leader cristiani in Occidente siano così spaventati da turbare la folla politicamente corretta che controlla i media e l’establishment culturale che non parleranno. Questi chierici trovano spesso più congeniale pesare con forza su altre questioni di preoccupazione urgente, dove sanno che non correranno il rischio di perdere inviti per interviste televisive”.