Home America Altro che Marte e Venere, America ed Europa sono sempre più simili

Altro che Marte e Venere, America ed Europa sono sempre più simili

166 views
0
Condividilo

Scrive il Financial Times (24/5)

“In un episodio del 1999 dei Simpsons, Moe il barista chiede ad alcuni visitatori europei della vita nel loro lontano continente. ‘A essere onesti’, dice un fumatore con la barba di nome Gunter, ‘siamo alla deriva in un mare di lusso decadente e di sesso senza senso’” scrive Janen Ganesh. “Venti anni fa, prima della guerra in Iraq, prima che Robert Kagan scrivesse sull’Europa come Venere e gli Stati Uniti come Marte, la mancanza di moralità del Vecchio Mondo era stata sufficientemente stabilita da essere satirizzata come un cliché. Alcuni conservatori americani pensano che l’Europa sia perduta per l’immigrazione musulmana, i bassi tassi di natalità e l’ennui bohémien. A loro volta, i liberal europei guardano alla legge sull’aborto di Donald Trump e all’Alabama come a una sorta di contro-illuminismo. Tale è l’alleanza occidentale: un continente dove nulla è sacro e un paese dove tutto è troppo. Quello che nessuna delle due parti percepisce è la convergenza culturale che sta alla base di tutto questo. Anche se divorziano geopoliticamente, l’Europa e l’America stanno diventando sempre più simili. La scorsa settimana, il National Center for Health Statistics ha confermato il declino della fertilità negli Stati Uniti. Nel 2018, sono nati meno bambini che in qualsiasi anno dal 1986. Le donne negli Stati Uniti hanno una media di 1,7 bambini nel corso della loro vita. La cifra nella UE è 1,6. Parallelamente a questo declino – o, più probabilmente, spingendolo – è il declino della fede. Quasi un quarto degli americani, secondo la ricerca di Pew, oggi è ateo, agnostico o allineato con nessuna religione particolare. L’idea di una fecondo, timorata di Dio America e di un’Europa sensuale e postmoderna maschera sempre alcuni dettagli scomodi. Le politiche pronataliste di Francia e Svezia, ad esempio. Ma ora è sempre meno vero, anche in termini generali. E questo per non parlare di altre aree di convergenza. La maggioranza degli americani ora non supporta solo l’assistenza sanitaria universale ma un sistema in cui tutti sono coperti da un piano governativo. L’odore della marijuana è comune in alcune città americane come in qualsiasi altro paese europeo. E se questo sembra un processo a senso unico, l’europeizzazione degli Stati Uniti piuttosto che il contrario, considerata la rinascita dello stato nazionale in Europa. Kagan ha descritto un continente che ha favorito la tecnocrazia intergovernativa e una America che ancora credeva nella sovranità vecchio stile. Questo divario si è ridotto. I nazionalisti prosperano dalla Gran Bretagna all’Ungheria. La guerra Russia-Ucraina e il crollo della Siria hanno anche prosciugato la fiducia dell’Europa nell’inevitabilità della pace e della ragione. Le armi sono il punto di differenza più famoso. Il cospicuo patriottismo è un altro. Ma questi sono superati dai crescenti punti in comune. Se non riusciamo a notarli, è a causa del distacco diplomatico tra le due parti. Sotto molti aspetti, Trump è una figura più europea di quanto, ad esempio, George W. Bush non fosse mai stato. Si dice che i conservatori culturali negli Stati Uniti dimostrino la propria ipocrisia. Forse mostrano solo quanto siano limitate le loro opzioni in un Paese che cambia”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here