Condividilo

scrive The Jerusalem Post (4/5/2019)

Il noto esperto tedesco-siriano di Islam, Bassam Tibi, davanti al Parlamento austriaco ha avvertito che la Repubblica islamica dell’Iran potrebbe organizzare un secondo olocausto contro gli ebrei in Israele. “Quando una bomba atomica è programmata dall’Iran in direzione di Israele, questo è un Olocausto. E chi lo nega dovrebbe essere penalizzato come ogni negazionista dell’Olocausto”. Tibi, nato a Damasco nel 1944, si è trasferito in Germania nel 1962 e ha studiato a Francoforte con due eminenti filosofi ebrei tedeschi, Theodor W. Adorno e Max Horkheimer. A Vienna, Tibi ha detto che l’antisemitismo contemporaneo “spesso appare come una critica a Israele, che è personificato come l’ebreo mondiale che deve essere spazzato via”. “Dobbiamo combattere l’antisemitismo islamico”, ha continuato. Tibi ha criticato il parallelo tra islamofobia e antisemitismo, dichiarandolo “pura ideologia” e ha lamentato che se si parla di antisemitismo islamico, “corri il rischio di essere etichettato come un islamofobo”. Tibi, che ha scritto ampiamente sul moderno antisemitismo, ha affermato che “la vita ebraica è in pericolo in Europa”, aggiungendo: “Molti ebrei lasciano la Francia perché dicono che è più sicuro in Israele”. Tibi ha anche detto che la Fratellanza Musulmana è un’organizzazione estremamente pericolosa, osservando che il suo fondatore egiziano, Hassan al-Banna, “ha chiesto la distruzione degli ebrei negli anni ’30. Questo è terrorismo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here